39 TP

Tax - Flat tax al 7% per pensionati stranieri nel Mezzogiorno

Marco Giuliani Jan 30, 2024

Tax - Flat tax al 7% per pensionati stranieri nel Mezzogiorno

INTRODUZIONE

La Legge di bilancio 2019 (L. 205/2018) ha introdotto un regime agevolativo, così chiamato “Regime opzionale per i pensionati esteri” per incentivare le persone fisiche titolari di reddito da pensione di fonte estera a trasferire la residenza nel Sud Italia.

A decorrere dal 1° gennaio 2019, i soggetti beneficiari possono optare per l’applicazione di un’imposta sostitutiva dell’Irpef e relative addizionali con aliquota al 7% su qualsiasi categoria di reddito prodotto all’estero.

Trattasi di un regime che prevede un livello di tassazione competitivo con quello applicato da diversi Paesi UE (es. Grecia, Portogallo) e quindi molto favorevole rispetto  a quello del Paese estero che eroga le pensioni nonché a quello Italiano applicabile in assenza del regime speciale.

Sulla base della normativa fiscale italiana, i contribuenti fiscalmente residenti in Italia sono infatti  tassati in modo progressivo sulla base del principio di “tassazione mondiale”, vale a dire sui redditi ovunque prodotti.

Pertanto, anche i redditi di fonte estera, inclusi i redditi da pensione, sono normalmente  assoggettati all’Irpef, la cui aliquota varia dal 23% al 43% (sulla base del reddito imponibile), e al 3% a titolo di Addizionale Regionale e Comunale.

IL REGIME SPECIALE

Al fine di accedere al regime agevolativo, i contribuenti devono soddisfare contemporaneamente le seguenti condizioni:

  1. Trasferire in Italia la residenza fiscale da Paesi con i quali sono in vigore accordi di cooperazione amministrativa con l’Italia in uno dei Comuni situati nelle Regioni Sicilia, Calabria, Sardegna, Campania, Basilicata, Abruzzo, Molise e Puglia, con popolazione non superiore ai 20.000 abitanti oppure in uno dei Comuni con popolazione non superiore a 3.000 abitanti rientranti tra quelli colpiti da eventi sismici e indicati negli allegati 1, 2 e 2-bis del DL 189/2016 (art. 9-ter del DL 123/2019 convertito);
  2. non essere stati residenti fiscali in Italia per almeno cinque periodi d'imposta precedenti a quello in cui l'opzione diviene efficace;
  3. essere titolari di redditi da pensione di fonte estera.

L’opzione è esercitata nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo di imposta in cui viene trasferita la residenza in Italia ed è efficace a decorrere da tale periodo d'imposta. L’opzione è valida per i primi 9 periodi di imposta successivi a quello in cui diviene efficace.

L’imposta sostitutiva con l’aliquota del 7% deve essere versata, per ciascun periodo di imposta di efficacia del regime, entro il termine fissato per il saldo delle imposte sui redditi.

I redditi di fonte italiana sono assoggettati a tassazione progressiva ordinaria.

EFFETTI

Accendendo al regime agevolativo, i beneficiari, per i periodi d'imposta di validità dell'opzione, non sono tenuti ad assolvere l’obbligo di monitoraggio fiscale delle attività finanziare e delle proprietà immobiliari detenute all’estero e a versare le imposte patrimoniali IVIE e IVAFE eventualmente dovute.

Per maggiori informazioni, contattate il Dott. Marco Giuliani.

Related content

Newsletter Audit ESG Legal Tax
Jun 27, 2024
Newsletter Audit ESG Legal Tax
Feb 14, 2024
Press release Audit Corporate Finance Legal Tax
Feb 8, 2024
Newsletter Audit ESG Legal Tax
Jan 16, 2024
Press release Tax
Alessandro Mellarini • Jan 4, 2024
Find an office
Offices